MONOGRAFIE

Max Planck

Nacque a Kiel nel 1858, proveniva da una famiglia ricca di stimoli culturali, se è vero che fra i suoi avi vi erano insigni giuristi e pastori protestanti, versati nella teologia, suo padre era un professore di diritto di tutto rispetto.

Nel 1867 la sua famiglia si trasferì a Monaco. A soli 16 anni entrò all'Università di Monaco per studiare fisica, proseguì i suoi studi a Berlino dove ebbe come docenti Helmholtz e Kirchhoff e, nel 1921, conseguì il dottorato discutendo una tesi sul secondo principio della termodinamica.

Conclusi gli studi secondari, nel 1874 si iscrisse all' università di Monaco per seguire i corsi di matematica e di fisica, si laureò nel 1879, sei anni dopo era professore straordinario all'Università di Kiel dove rimase da 1885 al 1889, mentre nel 1892 fu nominato professore ordinario a Berlino.
Nel 1889 successe a Kirchhoff nella cattedra di fisica all'Università di Berlino, posto che conservò per i 38 anni successivi, fino al 1927.
..
Planck diventa con l'andare del tempo uno dei fisici tedeschi più autorevoli. Nel 1900, durante le sue ricerche sulla radiazione emessa dal corpo nero, una superficie ideale che assorbe tutta l'energia incidente, egli avanzò l'ipotesi che l'energia venisse irraggiata non già come ipotizzato dalla fisica classica, ossia sotto forma di onda continua, ma in quantità discrete, in "pacchetti", che il fisico battezzò "quanti"; è considerato il padre della teoria quantistica.
La teoria di Planck fu generalmente accettata solo nel 1913, quando Niels Bohr se ne servì per calcolare la posizione delle righe spettrali dell'atomo di idrogeno. Per questo suo fondamentale contributo, nel 1918, Planck ricevette il premio Nobel per la fisica.
Dal 1912 al 1943 fu segretario della Sezione di Matematica e Scienze Naturali dell'Accademia Prussiana delle Scienze di cui era entrato a far parte nel 1894. Dal 1930 al 1937 fu anche presidente della Kaiser Wilhelm Gesellschaft, la più importante accademia scientifica tedesca.
La vita dello scienziato fu purtroppo oscurata da lutti familiari molto dolorosi. Perse la prima moglie nel 1909 e tre dei suoi quattro figli morirono durante la prima guerra mondiale Si risposò più tardi ed ebbe un altro figlio. L'ultimo figlio superstite del primo matrimonio fu ucciso dai nazisti per aver partecipato alla congiura del 1944 contro Hitler ; alla fine della guerra fu portato a Gottingen ove morì il 4 ottobre 1947. Tra le sue opere è bene ricordare:"Lezioni sulla teoria delle radiazioni di calore".